Definizione

Un ecomuseo è una istituzione finalizzata a tutelare e valorizzare il patrimonio culturale diffuso di un territorio, coinvolgendo i visitatori e la comunità locale nella presa di coscienza dei valori storici, antropologici e ambientali presenti in esso. Il territorio, infatti, non è più da considerarsi quale un mero contenitore di monumenti fra di loro isolati ma va interpretato come un sistema complesso di siti manufatti che testimoniano la vita materiale, sociale, politica e religiosa di un luogo e della comunità che lo vive. Un ecomuseo è dunque l’organizzazione e la valorizzazione di quanto il tempo e l’uomo hanno lasciato sul territorio, divenuto esso stesso una sorta di museo diffuso in cui le opere sono conservate nel loro ambiente originario, nel quale il visitatore stesso diviene abitante, e l’abitante a sua volta fruitore. L’ecomuseo, quindi, non si limita alla raccolta, conservazione ed esposizione di oggetti ma si pone il compito di valorizzare la cultura locale, le tradizioni, il territorio, il paesaggio e le potenzialità economiche di un’area.

L’ecomuseo, come sostiene George Henri Rivière, uno dei teorici che agli inizi degli anni Settanta dello scorso secolo ne ha introdotto il concetto, "è uno specchio in cui una comunità si guarda per riconoscersi, in cui cerca la spiegazione del territorio in cui è radicata, insieme a quella delle popolazioni che l’hanno preceduta, nella continuità o discontinuità delle generazioni. Uno specchio che questa comunità tende ai suoi ospiti per farsi meglio comprendere, nel rispetto del suo lavoro, dei suoi comportamenti, della sua essenza più intima. È un’espressione dell’uomo e della natura. L’uomo vi è interpretato nel suo contesto naturale. La natura nel suo stato originario, ma anche come la società tradizionale e la società industriale l’hanno adattata a loro immagine".

Una comunità che, come ha sottolineato un altro importante teorico francese, costituisce parte attiva nel contesto ecomuseale: afferma, infatti, Hugues De Varine: "Considero assodato che lo sviluppo sia sostenibile, quindi reale, solo a condizione che si realizzi in armonia con il patrimonio culturale e che contribuisca alla sua vitalità e crescita. Ne risulta, come corollario, che non si ha sviluppo senza partecipazione effettiva, attiva e consapevole della comunità detentrice del proprio patrimonio".


La definizione di ecomuseo nella museologia contemporanea

Ecomusei: Il futuro del passato - Intervista a Hugues De Varine

Stampa Email